nebulizzatore per la Terapia intensiva dei bambini del Buzzi

  Continua la collaborazione fra la Fondazione Rosangela D’Ambrosio Onlus e l’ospedale pediatrico Buzzi di Milano Acquisto di un nebulizzatore per migliorare la qualità dell’assistenza dei piccoli pazienti con insufficienza respiratoria cronica della terapia intensiva dell’ospedale pediatrico Buzzi Costo €. 1.432,28 Presentazione del progetto

Ecografo per i bambini della De Marchi

  Fondazione Rosangela D’Ambrosio Onlus Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano ancora insieme per alleviare il dolore dei bambini affetti da malattie croniche in cura presso la Clinica pediatrica De Marchi. Acquisto di un ecografo per migliorare la qualità dell’assistenza al bambino affetto da Artrite Idiopatica Giovanile (AIG) e per diagnosticare precocemente questa malattia cronica invalidane che può provocare danni alle articolazioni dei bambini. Costo €. 35.000,00 Presentazione del progetto –    Locandina

Unità di Pronta Accoglienza dedicata a Rosangela

Realizzazione di una nuova unità del Centro Paolo VI di Casalnoceto (AL): 10 posti di pronta accoglienza destinati ad accogliere minori di età compresa fra 6 e 17 anni, con disturbo psicopatologico e con diagnosi psichiatrica secondo i criteri dell’ICD-10, in fase post acuta, provenienti da un precedente ricovero, anche breve, in reparto ospedaliero di Neuropsichiatria Infantile, di Pediatria o dal Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura. Dettaglio del Progetto

Nuova collaborazione con l’ospedale pediatrico Bambin Gesù – Roma

Vite coraggiose – Letti Bilancia DEA AREA ROSSA Letti bilancia per terapie intensive tecnologicamente avanzati per l’Area Rossa del DEA del Bambino Gesù per migliorare la qualità dell’assistenza dei piccoli pazienti in condizioni complesse e non trasportabili. Presentazione del progetto foto Inaugurazione

Nuova area di degenza al Buzzi di Milano per piccoli pazienti chirurgici complessi

  Collaborazione tra la Fondazione Rosangela D’Ambrosio Onlus e l’Ospedale dei bambini Vittore Buzzi dell’azienda ospedaliera Istituti Clinici di Perfezinamento di Milano. Progetto di realizzazione “Chiavi in mano” di una nuova area di degenza per piccoli pazienti chirurgici complessi dedicata a Rosangela. Dettaglio del Progetto –   Video Progetto –   Video Evento

SUPER-SEDIA per la dolcissima Chiara

  Un aiuto concreto e immediato per la dignità di Chiara Acquisto di una struttura da applicare alla super-sedia della piccola Chiara per migliorare la qualità dell’assistenza. Costo €. 2.132,60 Presentazione del progetto

Una merenda per i bambini del Ngaoundere nel Camerun

Un pezzo di pane e un bicchiere di latte per un anno intero a 60 bambini poveri Costo annuale del progetto: €. 65,00 cad. X 60 bambini = €. 3.900,00 complessivi Il Camerun è uno stato dell’Africa centrale dove il tasso di analfabetismo è elevato e l’età media di vita è 55 anni anche a causa dell’AIDS. A Ngaoundere si trova la casa famiglia “Foyer d’Enfants Saints Anges Gardiens”, gestita dalle Suore Oblate della Mater Orphanorum, che accoglie bambini che vivono in gravi difficoltà. Sono bambini di strada e/o senza famiglia, bambini che non hanno una casa e dei quali nessuno si prende cura. Le suore oblate, che vestono abiti semplici (hanno un vero aspetto di “mamme”) si occupano di questi bambini e li custodiscono con amore e dedizione, così come farebbe la loro mamma. Accanto alla casa famiglia si trovano una scuola materna e una scuola primaria gestite ancora da queste meravigliose suore. Sono scuole frequentate da bambini che hanno una famiglia e possono pagare una retta, bambini curati che portano la loro buona merendina a scuola. Ma anche i bambini più poveri frequentano la scuola con l’aiuto delle suore grazie ai contributi dei benefattori, però le difficoltà sono tante e non sempre si riesce ad assicurare il necessario per vivere in modo dignitoso. La nostra Fondazione vuole dare una mano a questi piccoli: vogliamo assicurare anche a loro la merenda per tutto l’anno, un pezzo di pane ed un bicchiere di latte e contribuire a far vivere in modo dignitoso i bambini poveri della scuola “Angeli custodi”.

Polisonnigrafo per la Terapia intensiva dei bambini del Buzzi

  Continua la collaborazione fra la Fondazione Rosangela D’Ambrosio Onlus e l’ospedale pediatrico Buzzi di Milano Acquisto di un polisonnigrafo per migliorare la qualità dell’assistenza ai bambini con insufficienza respiratoria cronica Costo €. 9.089,00 Presentazione del progetto .       Consegna ufficiale del polisonnigrafo

India Inaugurazione Rosangela Home

    LA VOCE DEI VOLONTARI Emozione  : stato mentale e fisiologico associato a modificazioni psicofisiologiche, a stimoli interni o esterni, naturali o appresi EMOZIONE –  L’ATTESA Mi sono preparato a lungo per questo viaggio, ho cercato di immaginare quali sarebbero state le mie reazioni ad un qualcosa di bellissimo e sconosciuto insieme .La mattina della partenza ho vissuto uno di quegli squarci della memoria che ti buttano indietro nel tempo ed ho provato la stessa ansia, mista a timore , che provai quando portai Lilly , ormai malata, a Lourdes dove non andò a cercare un miracolo ma la gioia di un incontro che avrebbe portato sempre con se, in questa e nella nuova vita che la attendeva . EMOZIONE  –  LA GIOIA Come si fa a raccontare la gioia quando ti esplode dentro e mentre cerchi di comprimerla lei ti violenta l’anima fino alle lacrime ?  Questo è ciò che ho vissuto mentre , avvicinandomi sul pulmino , intravedevo un arcobaleno di colori che mi attendeva fuori dalla Rosangela Home…non so cosa abbiano detto di noi a quella meravigliosa tavolozza ma negli occhi di molte bambine ho letto la stessa gioia , la stessa felicità che mi stava esplodendo dentro e allora ho lasciato che vincesse lei ed ho pianto. EMOZIONE  –  LA SPERANZA Nel conoscere nei dettagli la Rosangela Home ho avuto la sensazione della protezione, l’ho vista  come un grembo materno nel quale decine di bambine , oggi, che mi auguro diventino centinaia , bambini compresi, domani, abbiano trovato e troveranno rifugio, è come se Rosangela stessa avesse conosciuto la gioia della maternità nella sua nuova vita ed in questa dimensione è stato bello lasciare un segno di Lilly …. Nei prossimi anni, decenni, qualcuno racconterà la sua storia che prenderà, in questo modo,  il tratto dell’immortalità. EMOZIONE –  LA TRISTEZZA Nulla è per sempre, è vero, ma questo è stato un attimo veramente troppo breve e, per quanto sapevo sarebbe arrivato il momento,  non è stato facile staccarmi dalle , ormai, mie bambine e la loro preghiera …….” Per favore, torna..”… ha reso ancora più duro il distacco; mi consolava la consapevolezza che le lasciavo nelle mani di angeli meravigliosi  che ne guidano il cammino terreno: grazie Rosa, grazie Cecilia e con voi grazie a chi veglia , tutti i giorni, su queste fiammelle di vita. EMOZIONE –  LA RABBIA Calcutta è stato un pugno dritto alla bocca dello stomaco, di quelli che ti tagliano il fiato e ti fanno cedere le gambe..non avevo mai visto un tale livello di rassegnata disperazione , il termine povertà non è sufficiente a descrivere ciò che la mia mente ha registrato, credo che nessun racconto possa avvicinarsi alla realtà di un mondo fatto di esseri umani  “senzaun domani “, dove l’orizzonte temporale è costituito dal giorno che nasce . Tutto questo in un paese che si definisce, orgogliosamente, una superpotenza , uno dei 4 paesi leader della crescita economica mondiale…..quando vedi, come ho visto, una famiglia ( con due bambini piccoli ) che dorme su un marciapiede a pochi centimetri dal traffico ( a dir poco caotico ) di Calcutta non puoi non gridare la tua rabbia e chieder a Dio : dove sei?!? EMOZIONE  –   IL PERDONO E’ ciò che , intimamente , ho chiesto allo stesso Dio della rabbia, a quel Dio che non trovavo nei disperati , e l’ho chiesto dopo aver incontrato ,nella sua veste spirituale ,  Madre Teresa, la sua casa, la sua storia, la sua vita al servizio degli ultimi, è stata un emozione fortissima che continuo a rivivere mentre ne scrivo… EMOZIONE  –  LA NOSTALGIA E LA SPERANZA Tornare nel quotidiano non è stato facile, ogni piccolo gesto, ogni oggetto sono un ponte verso i giorni meravigliosi appena trascorsi , un’esperienza straordinaria quale quella appena vissuta lascia aperte due strade : una è quella del cullarsi nella facile nostalgia in attesa che il tempo la sopisca , l’altra è quella che mi riporta a  una favola africana , quella del colibrì che cercava di spegnere l’incendio della foresta portando , freneticamente, gocce d’acqua nel becco e che di fronte alla rassegnazione degli altri animali , riguardo l’inutilità di tale affannarsi,  rispose : “ io faccio la mia parte “. Ecco la speranza è che , da oggi, seriamente, in tanti cominciamo a fare “ la nostra parte “, ce lo chiedono le nostre meravigliose bambine, ce lo chiedono le nostre sorelle che hanno deciso che “ fare la loro parte è la loro stessa vita “, ce lo chiedono i disperati di Calcutta: ormai abbiamo visto , non è più possibile tornare indietro.   NOTIZIE DALL’INDIA OTTOBRE 2014